Facebook Twitter Google Plus Pinterest Share 
Condividi

Le Comunelle - Srenje

Con il termine “srenje“ vengono indicate le comunità di abitanti autoctoni che autonomamente gestiscono, conservano e fruiscono della proprietà comune.

Sorsero in tutta Europa con diverse denominazioni (Regole in Veneto, Comunelle in Istria, Allmende in Svizzera, Mir in Russia, Jus sul Carso, Gemeinde in tedesco). Erano il complemento dell’organizzazione dei villaggi rurali: la terra dissodata era di proprietà individuale, il pascolo ed i boschi di proprietà collettiva. Per il territorio di Dolina sono estremamente importanti, perchè hanno saputo custodire attraverso i secoli il proprio territorio; migliorarlo dove era possibile e conservarne i caratteri naturali: se non fosse stato fatto questo lavoro, la Riserva Naturale della Val Rosandra-Dolina Glinščice non avrebbe oggi nulla da tutelare.

Le osmize

Tappa fondamentale dopo una passeggiata sui sentieri del territorio è provare i prodotti tipici della zona in un'osmiza. La presenza e l'apertura di questi luoghi è caratterizzata dalla frasca che viene posizionata sugli incroci principali per guidare le persone fino all'osmiza. Qui si possono ordinare del buon vino locale e piatti freddi prodotti in casa quali salumi, formaggi, verdure sott'olio e sott'aceto. L'origine delle osmize risale ai tempi dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, che nel 1784 autorizzava i contadini a servire e vendere vino per un periodo di 8 giorni. Da qui il nome osmiza, dallo sloveno "osmica" ovvero osem (otto).

Le sagre

Da primavera all'autunno molte sono le sagre che si svolgono nei paesi del Comune. Quasi ogni fine settimana è possibile partecipare a qualche sagra paesana che offre cibo, bevande e musica tradizionale. Le sagre sono organizzate dalle associazioni locali o per celebrare un particolare momento dell'anno oppure per il santo patrono del paese.

La più antica tra queste è la Majenca a Dolina, festa propiziatoria celebrata la prima settimana di maggio. Simbolo della Majenca è il Maj (albero di ciliegio innestato su un palo di abete di 15 m di altezza, simbolo della fertilità) chiaro riferimento all’abbondanza. In occasione vengono organizzate diverse mostre/concorsi con artisti locali e viticoltori che espongono i loro prodotti.