Facebook Twitter Google Plus Pinterest Share 
Condividi

Olio d'oliva

Il Comune di San Dorligo della Valle-Dolina š oggi la culla dell'ovicoltura locale ed allo stesso tempo rappresenta la realtà più significativa a livello olivicolo di tutto il territorio regionale.

L'olivo approdò in queste terre in epoca romana: gli scrittori latini come Plinio e Pomponio Mela nei propri scritti portano testimonianze della bontà dell'olio istriano. In epoche più recenti l'olio d'oliva locale veniva apprezzato anche dall'imperatrice Maria Teresa d'Austria. La vocazione olivicola di quest'area è ampiamente dimostrata dal fatto che il porto di Trieste è stato per secoli un importante centro di raccolta e smistamento per l'olio d'oliva. La maggior parte dei produttori produce l'olio per uso proprio, ma parte di essi imbottigliano e vendono l'olio anche fuori dalla provincia, riscuotendo numerosi premi ai concorsi nazionali in Slovenia e Croazia.

L'ulivo autoctono è la Bianchera-Belica istriana e l'olio da essa ricavato è particolarmente pregiato e molto apprezzato per le sue caratteristiche olfatto-gustative.

Vino

La produzione del vino nella valle del Breg ha origini molto antiche: se ne ha notizia già dal lontano 1271 ed è stato nel corso dei secoli fonte di guadagno e pregio per gli agricoltori della zona. Agli inizi del XIX secolo la coltivazione della vite nel Breg ha assunto una vasta proporzione nell'economia domestica. Nel territorio di Dolina grazie alla favorevole posizione dei campi, della qualità delle vitim della facoltà intrinseca del suolo e del clima caldo, il vino è di ottima qualità: tra i vini bianchi la Malvasia, la Glera, la Vitovska e il Moscato; tra i rossi troviamo il Refosco e il Terrano.